SEADS

Eccoci al quarantasettesimo appuntamento della nostra rubrica sui trend di sostenibilità.

In questo episodio troverete i trend di sostenibilità che hanno interessato maggiormente la business community di Sustenia nell’ultima settimana.

Buona lettura!

  • L’Onu va oltre il Pil: ora conterà anche l’impatto ambientale

    Il capo economista dell’Onu Elliott Harrs ha presentato alla stampa un nuovo indicatore che includerà allo stesso tempo dati economici e ambientali. L’obiettivo – auspica il Palazzo di Vetro – è aprire una nuova era in cui in cui misurare il benessere non più soltanto servendosi dei parametri del Prodotto Interno Lordo, ma allargando la rilevazione anche ai temi ambientali, con l’obiettivo di portare il tema della sostenibilità al centro del delle scelte politiche dei Paesi.

Trend di sostenibilità
  • Una spolverata di verde non basta più

    Ormai tutto è “sostenibile”: le auto, l’agricoltura, la pesca, la finanza, la moda…. Se poi andiamo a vedere, però, si tratta quasi sempre di apparenza o di minime ed irrilevanti modifiche palesemente finalizzate ad aumentare vendite, consumi e profitti, senza intaccare realmente l’attuale modello di sviluppo i cui effetti stiamo duramente pagando in termini di salute e di qualità della vita.

Trend di sostenibilità
  • Al via entro marzo il primo Green Bond italiano

    Anche la Repubblica Italiana avrà i suoi Green Bond. Entro la fine del mese, infatti, assisteremo alla prima emissione di un Btp Green da parte del Tesoro. Sarà un titolo che avrà una scadenza lunga, forse decennale. E finanzierà una serie di investimenti verdi lanciati fra il 2018 e il 2021. Si tratta quindi di risorse aggiuntive rispetto a quelle del Recovery Plan che invece coprirà i progetti dal 2022 in poi.

Trend di sostenibilità

Il 2021 sarà l’anno dello sviluppo sostenibile. Auguriamo a tutti, magari prendendo spunto da questi trend di sostenibilità, di essere parte attiva di questo cambiamento epocale.

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *